Usiamo cookies proprie e di terzi per realizzare analisi della nostra pagina internet e migliorare il servizio. Se continua navigando consideriamo che accetta l'uso dei cookies.

Notizie

Vaccinazioni contro il Covid e trattamenti per la fertilità: posso cercare una gravidanza?

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il nostro Paese è completamente immerso nel processo di vaccinazione contro il Covid-19. Con i vaccini, stiamo cominciando a vedere la fine della pandemia che ha profondamente sconvolto le nostre vite e i nostri piani, compresi i desideri di molte donne e coppie di avere figli.

Per molte di queste persone, il Covid ha significato posticipare i trattamenti di riproduzione che avrebbero effettuato nel 2020. E ora che questi trattamenti sono stati ripresi, si pone la questione se ci sia qualche inconveniente, qualche incompatibilità, tra vaccini e riproduzione assistita. Facciamo un po'di luce sulla questione.


Vaccini contro il Covid

Due dei vaccini somministrati in Spagna non contengono virus vivi, ma sono basati sull'RNA messaggero: insegnano all'organismo a produrre una proteina che innesca la risposta immunitaria. Sono quelli di Pfizer e Moderna.

Il terzo, di AstraZeneca, utilizza come base un altro virus trasformato e adattato per trasportare una porzione del DNA del virus Covid e che le nostre cellule producono l'RNA messaggero e successivamente risvegliano la risposta del sistema immunitario nel nostro corpo.

In tutti i casi, sono necessarie due dosi per completare il processo.


Vaccinazioni e trattamenti

Trattandosi di un nuovo coronavirus, mancano informazioni sul possibile effetto della vaccinazione in tutte le casistiche possibili, tra cui i trattamenti riproduttivi.

A scopo precauzionale, vi è consenso tra le diverse società mediche (ESHRE, SEF) e persino l'Organizzazione Mondiale della Sanità sul fatto che sia consigliabile stabilire un periodo di cautela dalla seconda dose del vaccino fino alla ricerca della gravidanza.

In iGin, d’accordo con il resto della comunità scientifica, si consiglia di attendere due settimane dopo la somministrazione della seconda dose per iniziare qualsiasi trattamento di riproduzione.


Cosa succede se mi vaccino durante lo studio di pre-fertilità?

Non ci sono problemi nell'esecuzione di test diagnostici prima di eseguire il trattamento della fertilità.


E se sono già in pieno ciclo?

Se la vaccinazione corrisponde a te mentre sei in trattamento di fertilità completo, dipenderà dal tipo di trattamento che viene effettuato e dallo stadio in cui si trova:

  • In caso di inizio della stimolazione ovarica (FIV / ICSI, donazione di ovociti, metodo ROPA):
    Si raccomanda di terminare il trattamento di stimolazione e di posticipare la vaccinazione fino al completamento della stimolazione e dell'estrazione degli ovociti. In caso di completamento dell'estrazione e della creazione di embrioni, non è consigliabile trasferire embrioni freschi, ma procedere con la vaccinazione e posticipare la procedura di trasferimento dell'embrione fino al completamento della vaccinazione.
  • In caso di inseminazione artificiale iniziata:
    Si raccomanda di sospendere la stimolazione e posticipare la procedura fino al completamento della vaccinazione.

  • Nel caso in cui sia stato avviato il trasferimento dell'embrione / ricevente ROPA:
    Si raccomanda di sospendere la preparazione dell'endometrio e di posticipare la procedura di trasferimento dell'embrione fino al completamento della vaccinazione.

  • Se la ricevente di ovociti donatori ha iniziato:
    Si raccomanda di sospendere la preparazione dell'endometrio e di posticipare la procedura di trasferimento dell'embrione fino al completamento della vaccinazione. Puoi completare la donazione e vetrificare gli embrioni.

  • In caso di dover lasciare un campione di sperma:
    Il processo sarà completato e la vaccinazione sarà posticipata fino alla raccolta del campione di sperma.

Tutti i casi devono essere valutati individualmente con il medico, prestando attenzione al contesto dei pazienti. Ci sono casi di persone che non vogliono essere vaccinate, o che ritengono che i tempi di attesa tra le dosi prolungherebbero eccessivamente il raggiungimento della gravidanza, o che il ritardo potrebbe peggiorare la prognosi riproduttiva della paziente.


Vaccini e gravidanza

Fino ad ora, la raccomandazione in termini generali era di posticipare la vaccinazione fino alla fine della gravidanza. Questo è ricordato sia dal Ministero della Salute che dalle società scientifiche. E, sebbene non ci siano indicazioni di problemi di sicurezza legati alla vaccinazione contro il coronavirus nelle donne in gravidanza, non c'è ancora sufficiente esperienza al riguardo.

L’arrivo del vaccino Janssen promette di cambiare questo approccio, poiché sarà il primo vaccino approvato, dall'OMS o da altri regolatori nazionali, per le donne incinte.

Info Istituto iGin

l'Istituto iGin è un centro medico specializzato in Ginecologia e riproduzione assistita.
Con sede principale a Bilbao, in una infrastruttura moderna offre i suoi servizi utilizzando le tecnologie più moderne senza sottovalutare il rapporto umano.